Il “nuovo Rinascimento” dell’artigianato artistico

Dal 1995, nel cuore di Milano, la Fondazione Cologni si fa promotrice di un “nuovo Rinascimento” dell’artigianato artistico d’eccellenza. Da sempre rivolta ai giovani, l’obbiettivo della Fondazione è formare nuove generazioni di Maestri d’Arte, tramandando i mestieri artigianali tradizionali. Fondazione Cologni collabora con scuole e istituti di alto profilo nel settore delle arti applicate e con i tirocini del progetto “Una Scuola, un Lavoro. Percorsi di eccellenza” (www.unascuolaunlavoro.it) sostiene la formazione dei giovani nell’alto artigianato e il loro inserimento nel mondo del lavoro.

Il tema della prossima edizione sarà quello delle “passioni italiane”: citando il Presidente Franco Cologni, «la passione per un’eccellenza su misura nasce in distretti che non si possono esportare né riprodurre altrove, perché sono intimamente legati a un territorio e a una storia unica al mondo». La Fondazione Cologni vuole dunque rendere omaggio con questi tirocini alla bellezza e allo stile dell’Italia, offrendo a giovani talenti dell’artigianato un’esperienza in bottega accanto a grandi Maestri, i cui savoir-faire esprimono le identità dei  territori, prezioso patrimonio di ciascuna Regione, che risveglia le passioni e le predilezioni di molti colti collezionisti, oltre che l’immaginazione degli amanti del bello in tutto il mondo.

In riferimento alla bella iniziativa del “Mini Master”, organizzato da Fondazione Cologni in collaborazione con i più prestigiosi atenei e scuole di specializzazione milanesi e offerto ai vincitori del bando “Una Scuola, un Lavoro” prima dei sei mesi di tirocinio, il Direttore Generale Alberto Cavalli sostiene: «La ricerca di innovazione, l’indagine di nuovi strumenti di comunicazione, la conoscenza dei metodi di gestione di una micro-impresa e l’approfondimento culturale legato alle arti applicate sono un vantaggio competitivo che la nuova generazione dovrebbe imparare a investigare e a incorporare nella propria visione artistica. L’eccellenza è un processo educativo».

Da buon mecenate, Cologni sostiene la necessità di creare un movimento culturale. Per questo, la Fondazione si occupa anche di promuovere l’artigianato artistico con pubblicazioni, come il magazine “Mestieri d’Arte & Design” (“Arts & Crafts & Design” nella versione inglese), dedicato all’eccellenza del Made in Italy e dei Maestri d’Arte che in Italia e nel mondo tramandano “l’intelligenza della mano”, e le collane editoriali “Mestieri d’Arte” e “Ricerche”, pubblicate da Marsilio Editori, che si propongono di riscoprire e valorizzare le professioni artigiane d’eccellenza legate a territori diversi.

Un patrimonio da preservare e valorizzare, perché «sono le idee e non soltanto i singoli atti che portano ai grandi cambiamenti nella percezione e considerazione delle cose da parte del grande pubblico. Un lungo cammino che deve portare a sviluppare interesse e ammirazione verso chi pratica il mestiere d’arte e verso le sue creazioni».